Perché questa campagna

La vaccinazione

La vaccinazione antinfluenzale è un mezzo efficace e sicuro per prevenire l’influenza e le sue complicanze.
I principali destinatari del vaccino stagionale sono le persone di età pari o superiore a 65 anni e le persone con alcune patologie di base che aumentano il rischio.

L’efficacia

L’efficacia stimata in adulti sani varia dal 70 al 90%.
Nei bambini e ragazzi fino a 16 anni è pari al 60-70%.
Negli anziani che vivono in comunità, l’efficacia nel ridurre la mortalità lergata all’influenza varia dal 23% al 75%. Per quelli che vivono in strutture di lungo-degenza varia dal 23% al 79%.

Quando vaccinarsi

l periodo ideale per l'avvio delle campagne di vaccinazione anti influenzale è, considerata la situazione climatica del nostro Paese e viste le precedenti epidemie influenzali in Italia, quello autunnale: dalla metà di ottobre fino alla fine di dicembre. Vaccinarsi in anticipo rispetto a questo periodo potrebbe provocare, soprattutto negli anziani (le cui risposte immunitarie sono meno efficienti), un calo delle difese proprio in concomitanza del picco epidemico stagionale.
La vaccinazione anti influenzale resta comunque un efficace mezzo protettivo anche se effettuata in periodi successivi a quello ideale, soprattutto in quelle particolari situazioni che la rendono opportuna: viaggi internazionali, comparsa di focolai di infezioni aviaria in allevamenti.

Controindicazioni e precauzioni

Il vaccino antinfluenzale non deve essere somministrato a:

  • Lattanti al di sotto dei sei mesi (per mancanza di studi clinici controllati che dimostrino l’innocuità del vaccino in tali fasce d’età).
  • Soggetti che abbiano manifestato reazioni di tipo anafilattico ad una precedente somministrazione di vaccino o ad uno dei suoi componenti.
  • Una malattia acuta di media o grave entità, con o senza febbre, costituisce una controindicazione temporanea alla vaccinazione, che va rimandata a guarigione avvenuta.
  • Un’anamnesi positiva per sindrome di Guillain-Barrè insorta entro 6 settimane dalla somministrazione di una precedente dose di vaccino costituisce controindicazione. Una sindrome di Guillain-Barrè non correlata a vaccinazione antinfluenzale e insorta da più di un anno costituisce motivo di precauzione riguardo alla somministrazione di vaccino antinfluenzale.

Non vi è controindicazione a vaccinare le persone asintomatiche, pur se infette, nel periodo epidemico.

False controindicazioni
  • Allergia alle proteine dell’uovo, con manifestazioni non anafilattiche.
  • Malattie acute di lieve entità.
  • Infezione da HIV ed altre immunodeficienze congenite o acquisite. La condizione di immunodepressione non costituisce una controindicazione alla somministrazione della vaccinazione antinfluenzale. La somministrazione del vaccino potrebbe non evocare una adeguata risposta immune. Una seconda dose di vaccino non migliora la risposta anticorpale in modo sostanziale.
  • Allattamento

Somministrazione simultanea di più vaccini

Il vaccino antinfluenzale non interferisce con la risposta immne ad altri vaccinio inattivati o vivi attenuati. I soggetti che devono vaccinarsi possono farlo contemporaneamente ad altri vaccini, in sedi corporee e con siringhe diverse.

Dove trovare il vaccino

Il vaccino è disponibile in tutte le farmacie. In caso di problemi nel reperirlo, è sempre bene rivolgersi direttamente al proprio medico di medicina generale.

Categorie a rischio e vaccino gratuito

La vaccinazione è gratuita per le seguenti categorie a rischio: Scarica l’elenco Pdf

  1. Soggetti di età pari o superiore a 65 anni
  2. Bambini di età superiore ai 6 mesi, ragazzi e adulti affetti da:
    • malattie croniche a carico dell'apparato respiratorio (inclusa l’asma, la displasia broncopolmonare, la fibrosicistica e la broncopatia cronico ostruttiva-BPCO)
    • malattie dell’apparato cardiocircolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisitec) diabete mellito e altre malattie metaboliche
    • insufficienza renale cronica
    • malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie
    • tumori
    • malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV
    • malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali
    • patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici
    • patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari)
  3. Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale
  4. Donne in gravidanza che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gestazione
  5. Individui ricoverati di qualunque età presso strutture per lungodegenti
  6. Medici e personale sanitario di assistenza
  7. Familiari a contatto di soggetti ad alto rischio
  8. Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori:
    • forze di polizia e vigili del fuoco
      Per altre categorie che svolgono lavori socialmente utili è facoltà delle Regioni e delle pubbliche amministrazioni definire i principi e le modalità dell’offerta
  9. Personale a contatto con animali per motivi di lavoro che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani:
    • allevatori
    • addetti all’attività di allevamento
    • addetti al trasporto di animali vivi
    • macellatori e vaccinatori
    • veterinari pubblici e libero-professionisti
Esenzione dal ticket

Sono esenti dal pagamento del ticket i cittadini affetti dalle seguenti patologie: Scarica l’elenco pdf


Ti è stato utile questo servizio?

 

 no

ministero della salute
Direzione Generale della Comunicazione e Relazioni Istituzionali
Direzione Generale della Prevenzione Sanitaria